Come si usa Vine

vineTra le applicazioni più di tendenza del momento il suo posto d’onore lo trova senza nessun dubbio Vine, l’applicazione di proprietà di Twitter che molti paragonano ad una sorta di Instagram dei video brevi. Lo scopo di Vine è infatti quello di creare brevi video virali della durata di 6.5 secondi da condividere in seguito su tutte le principali piattaforme, Twitter e Facebook per prime. La timeline dell’app è piena dunque di brevi video, molti ironici, molti interessanti, alcuni notevoli, che nel tempo stanno conquistando sempre più utenti da tutte le parti del mondo.

Vine è un’applicazione multi piattaforma, se volete installare questa app dovrete prima di tutto scaricarla (gratuitamente) dal sito internet del vostro store, ovvero dal Play Store, dall’Apple Store oppure dal Microsoft StorePer usarla è richiesto un account Twitter, che se avete ed usate già vi permetterà all’accesso di aggiungere tutti i vostri following iscritti su Vine e non perdervi dunque nessun video breve che metteranno online.

Esiste anche la scheda di Ricerca, dove andare a trovare i video più popolari del momento, o quelli dedicati ad una determinata categoria, musica, animali, sport, comici e tantissime altre ancora. Così come su Twitter la ricerca può andare anche per hashtag, con i quali vengono contrassegnati i video caricati sul servizio.

Ma ovviamente anche voi potete diventare utenti attivi di Vine, caricando i vostri video brevi sulla piattaforma cliccando sul tasto della videocamera. Ogni video breve avrà una durata massima di 6.5 secondi, ovvero 6 secondi di video e 0,5 secondi che usa l’app per evitare le chiusure brusche dei video. Dopo di che vi sarà permesso modificare i video messi online nel modo che preferite, ad esempio aggiungendo un brevissimo pezzo di una canzone famosa, in modo da creare un effetto particolare sul video messo online. I video più creativi, divertenti ed originali, non avranno difficoltà a diventare virali, grazie a retweet sul servizio e condivisioni all’esterno di Vine.