Non tutti sanno che anche i cellulari, gli smartphone ed i tablet hanno una vera e propria carta d’identità: il codice IMEI. In questa guida andremo a scoprire nel dettaglio che cos’è il codice IMEI e dove si trova.

Codice IMEI

Uno dei principali elementi che ci consente di identificare un dispositivo di telefonia mobile è il codice IMEI. Si tratta di una sigla che deriva dal termine inglese: International Mobile Equipment Identity ed è formata di solito da 15 cifre ed ha come obiettivo quello di identificare univocamente e con precisione un dispositivo.

Il codice IMEI viene utilizzato in diverse circostanze, sia per registrare un prodotto appena acquistato dal produttore, sia per mettere in atto una procedura di assistenza rapida ma anche per partecipare in alcuni casi a concorsi a premi organizzati dalle case produttrici di smartphone.

Questo codice in parole povere è una vera e propria carta d’identità di ogni dispositivo mobile e proprio come una carta d’identità viene utilizzato: per identificare lo smartphone in maniera univoca. Per questo ogni dispositivo che viene immesso sul mercato è sempre associato ad un codice IMEI.

Che cos’è?

Il codice IMEI come detto è un codice numerico, formato da 15 cifre che serve ad identificare un determinato dispositivo di telefonia mobile. Questo codice non consente di identificare soltanto la marca e il modello ma consente di risalire al preciso esemplare acquistato ed utilizzato da un determinato utente.

Le 15 cifre che compongono il codice IMEI sono composte da numeri che vanno da 0 a 9 e sono suddivise in quattro differenti sezioni, separate da trattini. Ognuna delle sezioni del codice serve per identificare un aspetto dell’identità del dispositivo a cui si riferisce.

Che cos'è il codice IMEI

In particolare le prime sei cifre del codice rappresentano il TAC (Type Approval Code) che serve ad identificare in modo univoco la casa costruttrice del dispositivo. Le seconde due cifre di questo codice sono il FAC (Final Assembly Code) ed identificano il luogo di produzione ed assemblaggio.

La terza sequenza, formata anch’essa da sei cifre, identifica il numero di serie del dispositivo mentre la cifra finale serve a verificare e confermare la correttezza delle informazioni precedentemente inserite, cioè è un vero e proprio sistema di verifica.

Codice IMEI: a cosa serve?

Conoscere il proprio codice IMEI è davvero molto importante perché questa sigla può essere utilizzata in tutte le circostanze che richiedono l’identificazione in via univoca del dispositivo. Per prima cosa bisogna pensare che il codice IMEI viene associato alla garanzia legale del prodotto al momento dell’acquisto e serve anche agli operatori di telefonia per identificare lo smartphone venduto al cliente con un abbonamento.

Proprio tramite un’analisi del codice IMEI è possibile risalire allo stato della garanzia del dispositivo e tale codice può inoltre essere utilizzato in fase di acquisto per la registrazione del prodotto che solitamente viene effettuata attraverso determinate applicazioni rilasciate dai produttori e che consentono di richiedere assistenza in modo rapido.

Negli ultimi anni inoltre, soprattutto in seguito all’acquisto di smartphone di ultima generazione, i produttori associano al codice IMEI la possibilità di beneficiare di specifiche promozioni. In questo modo i clienti che procedono all’acquisto dello smartphone, dopo averlo registrato ed aver inserito il proprio codice IMEI, potranno accedere ai vari bonus previsti dalla promozione.

Un’altra circostanza in cui è molto utile conoscere il codice IMEI è quando si rende necessario effettuare in modo rapido il blocco del terminale a distanza da parte dell’operatore, operazione che può essere effettuata nel caso in cui il cliente non abbia provveduto al pagamento delle rate del dispositivo oppure anche nel caso in cui il proprietario smarrisca o perda lo smartphone (dopo aver sporto regolare denuncia).

Per finire, bisogna sapere che il codice IMEI è molto importante anche per il corretto funzionamento del dispositivo stesso. Gli eventuali aggiornamenti software ad esempio sono emblematici poiché prevedono una verifica del codice prima di procedere all’installazione.

Dove si trova?

Dopo aver capito che cos’è ed a cosa serve il codice IMEI cerchiamo di chiarire come trovarlo ed individuarlo.

Per recuperare il codice IMEI del proprio smartphone è possibile seguire diverse strade. Prima di tutto bisogna sapere che tale codice è riportato in modo chiaro sulla confezione d’acquisto dello smartphone, solitamente stampato su un adesivo che potrà essere conservato. Il codice si trova di solito nella parte bassa o su uno dei lati della confezione.

Dove si trova il codice IMEI

Il codice IMEI viene inoltre spesso riportato all’interno dello stesso smartphone, precisamente sotto la scocca o vicino la batteria o vicino al carrellino delle SIM. Nel caso in cui nessuna delle possibilità precedenti sia percorribile non dovrete disperare poiché il codice IMEI è sempre riportato all’interno del firmware del vostro dispositivo e anche nel caso in cui non si disponga della confezione sarà possibile identificare il codice molto velocemente.

Per trovare il codice IMEI direttamente dallo smartphone basterà digitare la sequenza di caratteri *#06# dalla tastiera telefonica e si vedrà comparire il codice alfanumerico sullo schermo.