Chi fa acquisti online è soggetto facilmente a delle delusioni rispetto a chi si rivolge a negozi fisici, la differenza sta nel fatto che nel secondo caso è possibile verificare il prodotto e controllare che sia esattamente come lo si desidera, mentre per il primo caso vi spiegheremo come funziona il reso gratuito di Paypal.

Cos’è Paypal e il reso gratuito

Paypal è il metodo di pagamento online più utilizzato al mondo, consente a privati e aziende di inviare e ricevere denaro in modo sicuro, senza la diffusione dei propri dati sensibili del conto corrente o delle carte di credito.

Questo permette di superare anche le paure di quegli utenti indecisi che non hanno il coraggio di acquistare online perché non vogliono fornire le proprie credenziali per la transazione.

Ma, questo famoso servizio, negli anni, ha fatto grandi passi avanti, introducendo un ulteriore tutela per chi decide di fare acquisti online che offre la possibilità di essere tutelati nel caso la merce ordinata non rispetti le aspettative.

La piattaforma fornisce il proprio servizio di reso gratuito solo a coloro che hanno deciso di utilizzare Paypal come metodo di pagamento, ma ci sono dei limiti che vanno rispettati, andiamo a conoscerlo più da vicino.

Andando sul sito ufficiale nella sezione dedicata al reso si apprende che Paypal permette la restituzione dell’oggetto acquistato senza alcun costo per il cliente, il servizio è del tutto gratuito e vale anche sugli acquisti internazionali.

Non è possibile richiedere il rimborso nel caso il conto Paypal abbia limitazioni o violi il regolamento interno della piattaforma e se il venditore da cui si è acquistata la merce fornisce già un servizio di reso gratuito; per conoscere tutte le condizioni del servizio vi invitiamo a visitare il sito Paypal e a recarsi nella sezione dedicata. Il rimborso massimo che si può chiedere è di 30 euro.

Per effettuare il reso gratuito Paypal bisogna collegarsi qui, attivare il servizio con un click e poi usufruire di un modulo per la richiesta che all’interno abbia data anagrafici, indirizzo di posta elettronica Payapl, codice della transazione, Paese, motivazione della restituzione, valore dell’importo delle spese di spedizione pagata per la restituzione della merce e la prova della restituzione.

Non deve mancare alla domanda l’allegato della ricevuta delle spese di spedizione; il modulo deve essere inviato entro 14 giorni dalla restituzione dell’ordine, se la procedura viene accettata, l’accredito della somma avviene entro dieci giorni direttamente sul proprio conto Paypal.

Vantaggi per chi vende online

Se avete un negozio online sicuramente potete trarre molti vantaggi dal reso gratuito di Paypal, soprattutto verso quei clienti che ancora hanno paura a voler pagare direttamente e istantaneamente l’ordine.

Il servizio di reso Paypal è del tutto gratuito per i rivenditori, l’utente può attivarlo con pochi passaggio sul proprio account e chiedere il rimborso, il consiglio è quello di fare un test e conoscerne ogni aspetto, in modo da poter rispondere alle domande dei clienti.

Paypal mette a disposizione dei banner che sponsorizzano il reso di reso gratuito che è possibile adattare alle varie dimensioni del proprio sito, questi sono collegati a una pagina di approfondimento, in modo da permette ai clienti di conoscere meglio il servizio in ogni sua parte.

Il reso gratuito è stato introdotto da Paypal nel 2016, grazie al grande successo ottenuto, hanno deciso di renderlo permanente per tutelare tutti coloro che decidono di acquistare online affidandosi alla piattaforma; non a caso si stima che oltre il 70% degli utenti online sceglie Paypal come metodo di pagamento sicuro per comprare negli ecommerce, grazie alle transazioni sicure offerte e alla tutela dei dati personali e sensibili.

  • Post author:
  • Post category:Comprare online
  • Post comments:1 commento
  • Post last modified:11 Maggio 2020
  • Reading time:3 min(s) read