Conoscere le differenze tra una porta e un cavo USB è abbastanza semplice, la prima si trova integrata su alcuni dispositivi come pc e notebook, il secondo si utilizza per effettuare collegamenti tra uno o più device, ma non tutti conoscono la differenza tra i vari standard USB in circolazione.

In questo articolo scopriremo che differenza c’è tra USB 2.0, 3.0 e Type-C 3.1, iniziando dai primi due standard più conosciuti per poi terminare analizzando l’ultima generazione di USB, la 3.1 e il suo connettore USB Type-C.

Differenze estetiche

Capire se un dispositivo è dotato di porte USB 2.0 o 3.0 è facile, basta osservare la piastra plastificata all’interno: se è di colore grigio o bianco siamo davanti allo standard 2.0, se è di colore azzurro o blu scuro è quello 3.0.

<Che differenza c’è tra USB 2.0 e 3.0

Stesso discorso per i cavi, quelli con la piastra blu sono USB 3.0, mentre quelli con la piastra bianca sono quasi sicuramente USB 2.0.

Energia di alimentazione

Uno dei motivi del successo della connettività USB è sicuramente dovuta al fatto che tanti dispositivi sono in grado di alimentarsi da soli utilizzando questo tipo di collegamento, senza bisogno di una fonte di elettricità.

Le periferiche USB 2.0 sono in grado di assorbire una corrente massima di 100mA, mentre le USB 3.0 assorbono massimo 150 mA, valori che cambiano nel momento in cui il sistema operativo identifica la periferica collegata alla porta, nel primo caso assorbono fino a 500 mA e nel secondo caso fino a 900 mA.

Per cui una porta USB 2.0 può alimentare dispositivi fino a 2.5 W, mentre una porta USB 3.0 fino a 4,5 W.

Velocità di trasferimento dati

Un aspetto importante da valutare quando si tratta di standard USB è quello legato alla velocità di trasferimento, bisogna tener presente che anche se per alcuni dispositivi le differenze si notano, non accade mai che un device riesca a raggiungere al massimo della sua velocità teorica con il sistema operativo, a causa di alcune limitazioni interne al dispositivo.

Lo standard USB 2.0 è in grado di raggiungere la velocità massima teorica di 480 Mbit/s, mentre quella USB 3.0 è superiore di dieci volte, arrivano a 5 Gbit/s.

La differenza tra USB 2.0 e 3.0 si percepisce moltissimo, utilizzando un dispositivo col secondo standard si avrà un trasferimento dati nettamente più veloce, qualità che si fa notare anche nella differenza di prezzo tra i due standard.

Retrocompatibilità

È possibile utilizzare dispositivi USB 2.0 in porte USB 3.0 e viceversa senza avere problemi di compatibilità, infatti, entrambi gli standard sono perfettamente compatibili tra di loro per ciò che riguarda il trasferimento dei dati.

Ovviamente ci sono delle differenze a livello di velocità, un dispositivo USB 2.0 in inserito in una porta USB 3.0 non riuscirà a raggiungere la velocità di trasferimento dello standard più recente, così come un dispositivo USB 3.0 collegato a una porta USB 2.0, non effettuare il trasferimento alla velocità più performante ma si adatterà allo standard meno recente.

Per quanto riguarda la corrente, un dispositivo USB 2.0 collegato a una porta USB 3.0 non ha problemi e riceve sicuramente la quantità di energia che gli serve, ma un device USB 3.0 collegato a una porta con standard inferiore potrebbe non riuscire ad ottenere la corrente necessaria per alimentarsi.

Che differenze ci sono con l’USB Type-C 3.1?

Lo standard 3.1 è nettamente superiore in termini di energia e di velocità di trasferimento dei dati, consente di alimentare dispositivi con una potenza che raggiunge i 100 W, inoltre la sua versione Gen 2 raggiunge una velocità teorica di 10 Gbit/s.

Un’altra differenza sostanziale si riscontra nel connettore USB Type-C, il suo spessore è pari a quello del microUSB ma un po’ più lungo ed è uguale da entrambi i versi, si riconosce perché il cavo di connessione la porta presentano i lati stondati. Questo tipo di connettore non è fisicamente compatibile con le precedenti versioni ma garantisce compatibilità e supporto con gli standard USB 2.0 e 3.0, oltre che con l’interfaccia Thunderbolt 3.

USB Type-C 3.1

Un errore che si fa spesso è pensare che l’USB Type-C e l’USB 3.1 siano la stessa cosa, in realtà il primo descrive il tipo di connettore, mentre il secondo si riferisce alla tipologia di connessione.

Un dispositivo che supporta il connettore USB Type-C non usa per forza lo standard 3.1, ma potrebbe utilizzare ancora l’USB 3.0.

Altra distinzione è quella tra USB 3.1 Gen 1, che ha una velocità di trasferimento dati che può arrivare fino a 5 Gbps e USB 3.1 Gen 2 che permette di trasferire a una velocità massima fino a 10 Gbps, in questo ultimo caso i dispositivi adottano forzatamente un connettore USB Type-C.

Tuttavia, in commercio si trovano molti adattatori e cavi ibridi appositi per facilitare il passaggio da uno standard all’altro.

In Offertail più venduto n. 1
Cavo USB C, XLTOK [3Pezzi, 1m+1m+2m] Cavo USB Type C di...
XLTOK International Technology Co., Ltd - Elettronica
22,45 EUR - 60% 8,99 EUR
il più venduto n. 2
il più venduto n. 3
il più venduto n. 4
il più venduto n. 5