I cartoni animati della Disney sono estremamente famosi perché, proprio come avveniva nelle classiche favole di una volta, sono considerati molto importanti per la crescita dei bambini poiché hanno la capacità di intrattenere ed incantare, trasmettendo contemporaneamente una morale ed insegnamenti molto importanti. Andiamo a vedere insieme che cosa ci insegnano le favole Disney.

Che cosa ci insegnano le favole Disney

I cartoni animati della Disney sono ricchi di importanti insegnamenti, i sentimenti positivi veicolati da questi lungometraggi sono infatti molteplici. Ad esempio in Frozen, uno degli ultimi successi epocali della Disney, il tema centrale è quello dell’amore fraterno, mentre nel famoso “La spada nella roccia” si parla della capacità innata di ogni individuo di superare i propri limiti.

Che cosa ci insegnano le favole Disney

In Cenerentola ad esempio è invece esaltata la capacità di affidarsi agli altri mentre in “La carica dei 101” viene enfatizzato il concetto di accoglienza. Andiamo a scoprire nel dettaglio tutti gli insegnamenti che sono alla base delle favole Disney più conosciute.

Cenerentola

La favola Disney Cenerentola (1950) è interamente incentrata sulla capacità di saper dare e contemporaneamente di saper chiedere aiuto al prossimo. Questo film della Disney entrato di diritto nei grandi classici del cinema animato si rifà ovviamente alla fiaba della tradizione che vede Cenerentola come un’orfana che viene affidata alle cure di una perfida matrigna. A complicarle ulteriormente la vita ci sono le sue malvage sorellastre che insieme alla matrigna costringono Cenerentola a svolgere le mansioni più impegnative e degradanti.

Cenerentola può però contare sull’aiuto della Fata Madrina che la aiuta a fuggire dal suo inferno domestico trasformandola addirittura in una principessa. La morale della favola è certamente legata all’importanza di ricevere un aiuto e contemporaneamente di saperlo chiedere.

Frozen

Le protagoniste di Frozen (2013) sono Anna ed Elsa, due sorelle molto affiatate che sono costrette ad allontanarsi quando vengono fuori i poteri della primogenita Elsa. Nonostante la lontananza involontaria però, il rapporto tra le due sorelle non viene mai meno ed è proprio questa unità che vince la lontananza a portare al lieto fine tanto atteso.

Il Re Leone

Il film animato Il Re Leone (1994) è entrato nell’immaginario di milioni di persone grazie alla bellezza della storia di fondo e alle caratteristiche dei suoi personaggi principali. Protagonista di questa storia è il giovane leoncino Simba che è l’erede di diritto al trono di Re della foresta.

Il Re Leone del 1994

Anche Simba dovrà fare i conti con un malvagio antagonista, il perfido zio Mufasa che prima uccide suo fratello (nonché padre di Simba) e poi prova a convincere il leoncino di essere lui il colpevole della morte paterna, spingendolo a scomparire per poter assumere lui lo scettro di Re della foresta. Simba ad un certo punto si rende conto che deve assumersi le sue responsabilità e decide di affrontare il perfido zio.

L’insegnamento alla base di una favola come quella narrata in Il Re Leone è molto importante. Nonostante il passato possa fare male è sempre il momento giusto per fare qualcosa e cominciare a recuperare quello che ti spetta. In questo film animato viene mostrata l’importanza di non dimenticare le proprie responsabilità e le proprie radici e viene dimostrato che non sempre la bramosia di potere consente di raggiungere gli obiettivi sperati.

La carica dei 101

Nella nostra guida su che cosa ci insegnano le favole Disney, non potevamo non inserire il film animato La Carica dei 101 (1961). Alla base di questo film ci sono i concetti di accoglienza e collaborazione, una morale che ancora oggi consente di spiegare a grandi e piccini l’importanza della collaborazione con il prossimo e dell’accoglienza di chi ha bisogno.

La Carica dei 101 del 1961

La storia parla di una famiglia canina formata da due dalmata, Pongo e Peggy, che si innamorano in concomitanza ai loro padroni umani Rudy ed Anita. Pongo e Peggy diventano genitori ma sulla loro cucciolata irrompe la malvagia Crudelia De Mon, creatrice di pellicce interessata a prendere i cuccioli per scuoiarli e trasformarli proprio in una pelliccia.

Ovviamente i genitori si oppongono strenuamente a questo, riuscendo ad evitare il peggio ed a salvare i loro cuccioli da morte certa grazie alla collaborazione di molti altri cani. La morale alla base di questa storia è che la collaborazione è necessaria perché porta a raggiungere dei risultati che da soli sono impossibili.

La Spada nella Roccia

Nel 1963 è uscito La Spada nella Roccia, un film animato della Disney che ha fatto la storia. Questa fiaba parla di Semola, uno scudiero alla ricerca del miglioramento personale. Semola è tuttavia un giovane ragazzino estremamente magro che per una serie di rocamboleschi eventi riuscirà ad estrare la famigerata “Spada nella roccia” trasformandosi così nel Re.

La morale alla base de La Spada nella Roccia è certamente questa: per ottenere risultati bisogna rischiare.

La Bella e la Bestia

La Bella e la Bestia (1991) è un film animato della Disney molto celebre che ha anche ricevuto una nomination all’Oscar come miglior film. Il protagonista di questa storia è un principe, giovane e di bell’aspetto ma piuttosto viziato e crudele che viene trasformato in una bestia da una fata a causa della sua incapacità di andare oltre le apparenze.

La Bella e la Bestia del 1991

Proprio a causa del suo aspetto mostruoso il principe si richiude nel proprio castello fino a quando non arriva la protagonista femminile, Belle, che riesce ad andare oltre le apparenze innamorandosi del padrone di casa e liberandolo in questo modo dalla sua maledizione.

L’insegnamento alla base di La Bella e la Bestia è proprio quello di andare oltre le apparenze, gesto fondamentale per riuscire a superare i propri limiti ed offrire a tutti una possibilità di riscatto.

La Sirenetta

Per concludere la nostra guida su “che cosa ci insegnano le favole Disney” non potevamo evitare di parlare del film animato La Sirenetta (1989), tratto dalla celebre fiaba di Hans Christian Andersen che racconta la storia della sirenetta Ariel, figlia prediletta del re Tritone che si innamora di un umano e fa di tutto per riuscire a stare con lui. Ariel arriva infatti a rivolgersi alla cattivissima Ursula che accetta di trasformarla in umana in cambio della sua voce, a patto che una volta sulla terra riesca a farsi baciare dal principe in un tempo prestabilito.

La Sirenetta del 1989

La morale alla base de La Sirenetta è senza dubbio un insegnamento importante: evitare scorciatoie per raggiungere i propri obiettivi, non sempre infatti le strade più veloci sono le migliori da percorrere.