Lo smartphone è un oggetto che utilizziamo di continuo e maneggiamo innumerevoli volte nell’arco di una giornata. Trattandosi di uno degli oggetti che si toccano di più durante la giornata, lo smartphone rischia di accumulare una quantità molto elevata di batteri e di sporco. Per questo motivo abbiamo deciso di scrivere una guida per spiegarvi come disinfettare il cellulare eliminando germi e batteri.

Forse non tutti lo sanno ma sullo schermo del proprio smartphone non rimangono soltanto le impronte delle dita ma è facile trovare germi e batteri che si accumulano a causa di macchie di unto, resti di cibo o di altri materiali. Ogni volta che si maneggia lo smartphone aumenta il rischio di contaminarlo sempre di più, per questo motivo pulire e disinfettare il cellulare deve diventare un’abitudine quotidiana per evitare che sullo schermo si accumuli lo sporco.

Come disinfettare il cellulare eliminando germi e batteri

Tutti sanno che una delle precauzioni fondamentali per proteggersi dal rischio di entrare in contatto con virus e batteri è quella di lavarsi spesso le mani in modo accurato. Questo però potrebbe non essere sufficiente poiché dopo aver lavato le mani, riprendendo in mano lo smartphone in un gesto che viene ripetuto centinaia di volte al giorno, si rischia di vanificare del tutto la pulizia delle mani.

Come disinfettare il cellulare eliminando germi e batteri

Come abbiamo già specificato lo smartphone è un vero e proprio ricettacolo di germi, batteri e nel caso anche virus. Per questo motivo è essenziale procedere alla disinfezione regolare del proprio smartphone, almeno una volta al giorno. Ma come fare per disinfettare al meglio il cellulare? Alcuni grandi produttori hanno rilasciato delle indicazioni su quale procedura seguire per la pulizia dei prodotti tecnologici.

Come disinfettare il cellulare

Gli smartphone ospitano circa l’80% dei batteri e microbi più comuni e per questo è importante dedicare ogni giorno alcuni minuti alla disinfezione di questi strumenti. Se per le superfici di casa viene consigliato l’utilizzo di detergenti disinfettanti a base alcolica (etanolo al 75%), lo stesso non vale per i cellulari.

Per la pulizia di smartphone, tablet, PC, auricolari, secondo le fonti ufficiali è consigliabile utilizzare un panno in microfibra, leggermente inumidito proprio con quei prodotti a base di alcol a cui abbiamo appena accennato. Ovviamente la pulizia deve avvenire seguendo con attenzione tutte le indicazioni dei vari produttori, andiamo a vedere quali sono.

Come disinfettare il cellulare: i consigli dei produttori

Se si intende pulire nel modo migliore il proprio smartphone senza rischiare di romperlo, le aziende produttrici consigliano di rimuovere prima di tutto qualsiasi tipo di custodia o accessorio e di scollegare tutti i cavi presenti. In seguito è possibile disinfettare delicatamente la superficie esterna di quasi tutti i modelli di smartphone utilizzando un panno morbido in microfibra, privo di pelucchi, simile a quelli che si utilizzano per pulire gli occhiali da vista.

Bisogna ovviamente evitare di applicare i liquidi direttamente sul telefono poiché è essenziale evitare che l’umidità penetri nelle aperture del cellulare. Altrettanto importante non utilizzare prodotti specifici per vetri, candeggina, solventi, detergenti per la casa, prodotti a base di ammoniaca, sostanze abrasive.

Come pulire il smartphone

Alcuni cellulari, come ad esempio gli iPhone, hanno un rivestimento oleorepellente a prova di impronta che può essere rovinato dai prodotti che abbiamo elencato, causando graffi al vostro smartphone o peggio, diminuendone l’oleorepellenza.

I produttori consigliano quindi di utilizzare un semplice panno morbido, privo di pelucchi inumidendolo con una piccolissima quantità di alcol e rimuovendo delicatamente tutta la sporcizia, evitando accuratamente di far penetrare l’umidità nelle varie aperture.

L’ideale è utilizzare una salvietta con il 70% di alcol isoproprilico o delle salviette disinfettanti che consentono di evitare l’utilizzo di candeggina. Per i Samsung è invece consigliabile inumidire l’angolo del panno con una piccola quantità di disinfettante, come ad esempio l’acido ipocloroso, oppure prodotti a base alcolica, detergendo delicatamente lo smartphone senza esagerare con la pressione.

Come disinfettare il cellulare: altre soluzioni

In alternativa è possibile utilizzare dell’acqua con sapone liquido per aumentarne l’efficacia. Ovviamente la cosa importante è di prestare la massima attenzione con il panno in microfibra per evitare di bagnare il cellulare, limitandosi appunto ad inumidire il panno.

Anche l’alcool rosa rappresenta un’ottima soluzione antibatterica da usare in combinazione con un panno in microfibra. Per pulire gli angoli o le zone più difficili da raggiungere è possibile aiutarsi con un cotton fioc o con uno spazzolino a setole morbide, che potrà essere utilizzato anche per le zone più esterne.

Se invece si vuole soltanto “ripulire” il proprio smartphone senza disinfettarlo, ad esempio per cancellare le impronte digitali e i segni dello sporco dello schermo è possibile utilizzare una soluzione a base di acqua e aceto di mele. Prepararlo sarà semplicissimo, basterà far bollire un pentolino con mezzo bicchiere di acqua e aggiungere, dopo averlo fatto riposare, un cucchiaio di aceto, agitando bene il tutto.

Successivamente sarà possibile applicare qualche goccia della soluzione così ottenuta su un batuffolo di cotone e procedere a pulire lo schermo.