Spesso, soprattutto in ambito informatico, è facile che alcuni termini vengano utilizzati in modo inappropriato. Nella guida di oggi andremo a scoprire la differenza che intercorre tra hub, switch e router, facendo chiarezza su questi tre dispositivi che hanno caratteristiche e funzioni simili ma che sono del tutto diversi l’uno dall’altro.

Qual è la differenza tra hub, switch e router?

Per capire come funzionano hub, witch e router è bene fare chiarezza sul funzionamento di una rete informatica. Essa è infatti costituita principalmente da due o più apparati connessi tra loro attraverso una connessione LAN (Local Area Network) o WAN (Wide Area Network).

Quando ad esempio in ufficio si utilizzano diversi computer, server e stampanti che hanno bisogno di dialogare tra loro sarà necessario connetterli, utilizzando cavi Ethernet o attraverso connessione Wi-Fi. Ogni dispositivo avrà quindi il suo indirizzo IP che lo distinguerà in modo univoco da tutti gli altri. I dati vengono codificati e viaggiano in pacchetti, ognuno dei quali contiene gli indirizzi sia del mittente che del destinatario. Quando un dispositivo deve comunicare con l’altro allora trasmette in rete i pacchetti codificati per essere acquisiti ed elaborati soltanto dal destinatario.

Differenza tra hub switch e router

Che cos’è un Hub?

Un Hub non è altro che un punto di collegamento comune per i dispositivi che fanno parte di un network. In genere gli hub vengono utilizzati per collegare tra loro segmenti diversi di una LAN e contengono numerose porte. Quando un pacchetto dati arriva in una delle porte, avviene immediatamente una copia anche sulle altre porte in modo che anche gli altri network possano vedere i pacchetti di dati.

Che cos’è uno Switch?

La parola “Switch” in italiano ha tre significati: scambiare, cambiare e interruttore. Nell’ambito di nostro interesse questo termine viene utilizzato con l’accezione di scambiare, poiché in effetti lo switch si occupa di scambiare dati, consentendo di connettere più dispositivi in rete tra loro.

Se si ragiona in ambito di un network lo switch è un dispositivo che serve a filtrare e instradare i pacchetti di dati tra diversi segmenti di LAN. Gli switch vanno quindi ad operare a livello dei datalink, ed altre volte a livello di network e sono capaci di supportare qualsiasi protocollo dati.

Che cos’è un router?

Il router ha la funzione di instradare pacchetti di dati lungo diversi network. Per funzionare deve essere collegato ad almeno due network, generalmente formati da due LAN o due WAN oppure combinando una LAN ed un ISP network. La funzione del router è quella di identificare il percorso da seguire utilizzando tabelle di instradamento e headers attraverso l’utilizzo di protocolli di comunicazione con lo scopo di comunicare tra loro per stabilire l’instradamento ottimale tra due host.

Differenza tra hub, switch e router

Sia l’hub che lo switch servono per il collegamento centrale di tutti i dispositivi collegati al network e sono capaci di gestire i frame, un particolare tipo di dati. Nel momento in cui il frame arriva nel dispositivo viene amplificato e trasmesso al destinatario. La differenza tra hub e switch è principalmente nel modo in cui questi frame vengono consegnati.

L’hub infatti condivide la sua lunghezza di banda con tutte le porte, creando un danno a livello di performance. Questo al contrario non avviene con gli switch che gestiscono i pacchetti in modo più efficiente e veloce e non suddivide la lunghezza di banda. Per questo lo switch è solitamente la soluzione più scelta.

I router invece sono dei dispositivi completamente diversi perché a differenza degli switch permettono la commutazione dei frame inviandoli verso le varie destinazioni sfruttando l’indirizzo MAC mentre i router effettuano l’instradamento dei pacchetti sulla base dell’IP di destinazione.

  • Post author:
  • Post category:Rete
  • Post last modified:11 Agosto 2020
  • Reading time:4 min(s) read