La questione è sotto gli occhi di tutti: per anni abbiamo sentito parlare di impresa 4.0 e di trasformazione digitale, mentre nella realtà le cose si sono mosse con grande lentezza e con lacune enormi. Il lockdown, causato dalla pandemia correlata alla diffusione del virus Covid-19 ha però spinto sull’acceleratore, per una serie di buoni motivi.

A partire dal fatto che la chiusura di uffici di ogni genere ha costretto la pubblica amministrazione a favorire i contatti con il pubblico tramite la rete. Per arrivare poi all’ampio utilizzo dello smart working in tantissime aziende. Per poter realizzare la trasformazione digitale sono però necessari strumenti, alcuni dei quali disponibili da vari anni.

Quali strumenti, quali esigenze

Il primo strumento fondamentale è l’accesso alla rete internet. Sembra banale dichiararlo, ma in realtà non lo è poi così tanto. In Italia siamo tra gli ultimi in classifica, tra i Paesi europei, per quanto riguarda l’alfabetizzazione digitale. Non solo per questioni culturali e di conoscenza, ma anche per diffuse problematiche correlate direttamente alla rete internet: ancora molte zone del Paese non hanno accesso alla rete a banda larga.

Oltre a questo è sempre più fondamentale che le aziende si muniscano di strumenti software, che consentano di implementare servizi e funzionalità che viaggiano tramite il cloud. Un esempio è Microsoft AX, una realtà che purtroppo ancora molte aziende tendono a tralasciare. Eppure sono numerose le società di consulenza in grado di aiutare qualsiasi azienda a trovare il giusto mix di software e di servizi, tale da rendere la trasformazione digitale una realtà.

L’uso del cloud

Un altro punto particolarmente importante per quanto riguarda la trasformazione digitale consiste l’utilizzo del cloud in modo efficace. Anche sotto questo punto di vista la situazione sta accelerando in modo sensibile. Eppure ancora molte aziende rinunciano a questo tipo di servizio, prediligendo server aziendali, con costi elevati e funzionalità per certi versi “antiquate”.

Attraverso l’uso dei software e dello spazio sul cloud è possibile accedere a data base e a funzionalità da qualsiasi dispositivo, senza doversi collegare da una specifica postazione in azienda. La diffusione sempre maggiore di sistemi di smart working sta rendendo l’uso del cloud ancora più importante; visto che il membro del team che non è presente in azienda deve comunque avere a disposizione documenti, tramite la connessione a internet.

Che cosa significa cloud

Una strada in salita

La trasformazione digitale è iniziata ormai da vari anni. Purtroppo nel nostro Paese ci troviamo in forte ritardo, anche considerando solamente gli altri Paesi europei. Le motivazioni sono varie, tra cui una certa arretratezza culturale, congiunta all’elevato tasso di soggetti di età avanzata, ma anche alle carenze strutturali e alla difficoltà di far progredire in senso digitale gli apparati che riguardano la burocrazia.

Non solo le aziende private, ma anche dal punto di vista pubblico sono presenti molte problematiche. L’accesso ai servizi online è spesso lacunoso, dove addirittura non disponibile o complesso da effettuare. Per altro sono molti coloro che oppongono resistenza a tale cambiamento, anche a causa dei necessari investimenti da operare.

  • Post author:
  • Post category:Mobile
  • Post last modified:20 Luglio 2020
  • Reading time:3 min(s) read