Il trading online è una materia estremamente affascinante e attira ogni singolo giorno nuovi utenti, incuriositi dal settore dei mercati finanziari. Una delle motivazioni che ha promosso l’incredibile crescita del settore nell’ultimo anno è stata la situazione pandemica globale, che ha causato notevoli disagi all’intera economia mondiale.

Molte persone sono rimaste senza lavoro e molte altre, in situazioni economiche precarie, hanno iniziato a pensare a metodi di guadagno alternativi, che consentissero loro un’entrata extra da sommare al proprio reddito.

Il mondo del trading però racchiude al suo interno una notevole complessità: moltissimi sono gli strumenti che si possono vendere ed acquistare sui mercati ed esistono inoltre molteplici mercati su cui operare, ognuno con caratteristiche particolari e differenti metodologie applicative.

Uno di questi è il Forex, fondamentalmente un mercato valutario che permette di acquistare e vendere coppie valutarie con l’obiettivo di trarne un profitto e che è per molti la porta di ingresso nel mondo del trading online.

Il motivo? Per alcuni versi il Forex è meno complicato rispetto ad altri mercati ed è inoltre aperto sei giorni su sette 24 ore al giorno. Non esistono quindi orari di chiusura giornalieri con fasce di premarket ed aftermarket come avviene ad esempio nei mercati azionari. Altra interessante caratteristica del Forex è quella di essere molto liquido: gli scambi avvengono infatti in modo immediato ed è praticamente impossibile che un ordine non venga eseguito per mancanza di liquidità.

Come si fa a fare trading sul Forex? Il primo passo è sicuramente quello di scegliere il broker che farà da intermediario tra il trader ed il mercato stesso. Come fare a capire qual è il miglior broker Forex con il quale aprire un conto? Dato che esistono moltissimi broker sulla scena Forex, per evitare problematiche è bene fare attenzione ad alcuni accorgimenti.

Scegliere un broker regolamentato

Sembra scontato, ma moltissimi trader alle prime armi si buttano sui mercati senza prestare attenzione al broker prescelto: è facile farsi ingannare dalle pubblicità o dai consigli di persone poco esperte e con poca esperienza nel settore.

Quando si sceglie un qualsiasi broker invece, è fondamentale verificare che esso sia in possesso delle principali regolamentazioni del paese in cui opera. Questo garantisce una migliore trasparenza ed una maggior sicurezza durante l’operatività.

Dopotutto, si affidano al broker soldi che si sono guadagnati con fatica ed è quindi fondamentale accertarsi che essi siano in buone mani. Alcuni enti regolamentatori sono ad esempio la Consob su territorio italiano e la SEC per i broker americani.

Controllare la quantità di coppie valutarie offerte dal broker

I broker offrono ai propri clienti diversi strumenti finanziari. Alcuni di essi permettono di operare su tutti (o quasi) gli strumenti disponibili, altri sono più orientati a mercati specifici. I broker che trattano Forex si occupano nello specifico del mercato valutario.

Questo comprende moltissime coppie valutarie scambiabili: oltre alle principali (come ad esempio EUR/USD, piuttosto che GBP/USD) esistono anche coppie più difficili da trovare, relative a mercati più di nicchia.

Se si ha la necessità o la voglia di operare su valute più esotiche è infatti bene accertarsi in anticipo della presenza di queste coppie senza dare per scontato che esse siano disponibili per qualsiasi broker Forex.

Verificare se c’è la possibilità di operare in demo

Un conto demo è uno strumento utilissimo per chi è alle prime armi e consente di mettere in pratica le strategie che si sono apprese nella teoria, verificando se sono profittevoli o meno, utilizzando quindi il broker come se si stesse operando con un conto reale: questo permette di capire le funzionalità dello stesso e di valutare se esso sia in linea con le proprie aspettative.

Altra considerazione importante è quella relativa alle commissioni richiese, anche se in linea di massima le differenze sono piuttosto minime da broker a broker: molti broker potrebbero offrire commissioni più basse ma una qualità del servizio inferiore e questo andrebbe a vanificare il risparmio in termini economici.

Online si trovano moltissime informazioni in merito e su diversi siti è possibile effettuare dei confronti diretti così da trovare il servizio più affine alle proprie esigenze.

  • Post author:
  • Post category:Business
  • Post last modified:22 Febbraio 2021
  • Reading time:4 min(s) read