Cos’è una VPN e perché usarla

Avrete sicuramente sentito parlare della rete VPN senza mai capirne pienamente il significato e la funzione, in questa guida cercheremo di spiegarvi in modo semplice è chiaro cos’è una VPN e perché usarla, quali sono i vantaggi, a cosa serve e come fare per ottenerla.

VPN è l’acronimo di Virtual Private Network che vuol dire Rete Privata Virtuale, il nome fa già intuire che si tratta di un tipo di rete, anonima e sicura per chi la utilizza, il cui scopo è quello di garantire sicurezza e privacy quando si naviga sulla rete.

Cosa si può fare con una rete VPN?

Utilizzando una rete VPN è possibile nascondere le attività su internet sia al fornitore del servizio che a strumenti governativi; ci si protegge da attacchi di hacker quando si è collegati a Wi-Fi libere e pubbliche; si possono scaricare Torrent o P2P in sicurezza; modificare virtualmente la posizione geografica per accedere a siti che sono bloccati nel vostro Paese o entrare in portali censurati.

Come funziona una rete VPN?

Se si vuole navigare in sicurezza e anonimato con la rete protetta VPN, bisogna iscriversi a un server VPN, se ne trovano molti, alcuni gratuiti altri a pagamento, ma il funzionamento è sostanzialmente lo stesso con l’aggiunta di servizi in più o in meno, a seconda dei casi.

Quando ci si collega su internet, ci si sta connettendo al server del proprio fornitore internet che a sua volta si collega sui siti web che si vogliono visitare, tutti dati sono visibili al fornitore del proprio ISP e da possibili hacker o malintenzionati.

Con la connessione VPN il processo è diverso, la navigazione non passa sul server del proprio fornitore di internet ma su uno di quelli del servizio VPN scelto.

Inoltre, tutti i dati del computer che vengono trasmessi sono criptati risultando invisibili agli occhi indiscreti, gli unici a sapere i movimenti in rete sarete voi e il servizio VPN scelto.

Il fornitore di Internet non può più avere accesso a nessun tipo di dato, può solo sapere che state usando un server VPN senza però vedere i vostri movimenti, scoprire i siti che visitati o i dati sensibili. Nessuno può, nemmeno gli hacker o le agenzie governative.

Le Wifi Free sono molto comode quando si è in giro, ma spesso non sono adeguatamente protette e il rischio di divulgare i propri dati sensibili è molto elevate, soprattutto in questi casi, la rete VPN diventa utile e risolve il problema criptando i dati, per cui, anche se intercettati da un hacker, saranno illeggibili e inutilizzabili.

Con la rete VPN l’indirizzo IP sarà nascosto e si vedrà solo quello del server a cui si è collegati, per cui ci si può collegare dall’Italia e mostra di essere collegati dalla Cina; questo sistema è utilissimo anche per accedere a siti che risultano bloccati a causa della geolocalizzazione.

Utilizzare un server VPN è legale?

Questa è sicuramente una domanda molto frequenta tra coloro che vorrebbero provare ad usare un server VPN, ma restano bloccati proprio dall’idea di star facendo qualcosa di illegale.

In realtà, avvalersi di un server VPN è legale, in Italia e in tanti altri Paese, il cittadino ha il diritto di mantenere elevata la propria privacy, mentre ci sono Paesi come la Cina che ne vietano l’utilizzo, poiché è presente una rigidissima censura.

Le connessioni VPN possono essere un problema serio per governi e organizzazioni militari che cercano di intercettare azioni terroristiche, hacker, pedofili e personaggi pericolosi per la comunità mondiale, per questo motivo tanti Paesi obbligano i server VPN a tenere i logs degli utenti, in modo che in caso di serie necessità, possano essere rintracciati facilmente.

Gli utenti finali possono utilizzare il server VPN con tranquillità, poiché non risulta proibito da nessuna legge e non minaccia in alcun modo la privacy di altre persone o mette in pericolo la tranquillità comune.

I fornitori di connessioni VPN si impegnano a garantire la massima privacy e a proteggere i dati, ma può essere utile avere una panoramica dei servizi VPN più famosi e affidabili per poter scegliere il migliore.

Di seguito vi proponiamo un elenco dei migliori server che forniscono la connessione sicura VPN in tutto il mondo.

NordVPN

NordVPN è un server VPN attivo da oltre dieci anni che mette a disposizione degli utenti un livello di protezione online molto alto, permettendo la navigazione di qualsiasi tipo di sito, anche quelli con restrizioni nazionali.

Questo servizio non salva i log delle attività online e nemmeno quelle che avvengono sui server proprietari, che operano sotto la giurisdizione di Panama, dove non esistono leggi sull’obbligo di conservazione dei dati.

Per cui sicurezza, privacy e anonimato sono assicurate, permette di collegarsi con pochi click a oltre 870 server dislocati in 59 paesi del mondo; il servizio propone 5 protocolli di tunneling, tra cui OpenVPN, PPTP, L2TP/IPSec, SSTP e IKEv2 e permette fino a sei connessioni simultaneamente.

Questo VPN si può usare su varie tipologie di dispositivo: pc Window, Mac OS e Linux, smartphone iOS e Android con app dedicate con crittografia a 3072bit per autenticare i certificati. Presente assistenza attiva 24 ore su 24.

ExpressVPN

ExpressVPN metta avanti la sicurezza e la privacy dell’utente, permettendogli di navigare in anonimato su qualsiasi sito del mondo, si tratta di un servizio VPN di qualità che offre 145 punti di accesso in 94 paesi.

Offre anche un’eccellente gamma di software client ben realizzati per dispositivi e desktop, sono disponibili quelli nativi per Windows, Mac, Linux, iOS, Android e anche BlackBerry.

Può essere configurato anche su router, come estensione del browser VPN e offre contenuti DNS sbloccati per tanti dispositivi di streaming media e smart tv.

Il servizio mette a disposizione anche tanti tutorial personalizzati per aiutare gli utenti a fare la configurazione, ed è sempre possibile contattare il supporto grazie alle chat dal vivo e agli operatori attivi tutti i giorni e a tutte le ore.

Disponibile anche il supporto per il P2p, un kill switch per nascondere l’IP e prestazioni complessive davvero di alto livello.

CyberGhost

CyberGhost è una connessione VPN che ha sede in Romania, uno di quei paesi che non sono soggette a leggi sull’archiviazione dei dati, anche dopo la sua acquisizione  da parte di Crossrider Lmt, per cui la privacy è totalmente protetta.

Per questo motivo i dati personali e le informazioni saranno memorizzati su questo servizio VPN, per cui è possibile visitare siti in totale anonimato, tenendo lontano occhi indiscreti e riducendo al minimo il pericolo di attacchi da parte di hacker.

CyberGhost è un ottimo fornitore, che fornisce in modo chiaro il servizio lavorando duramente per proteggere la privacy dei suoi clienti; presente anche l’assistenza post vendita per aiutare l’utente a configurare correttamente il servizio VPN e risolvere eventuali problematiche.

Tra i vantaggi abbiamo la possibilità di sfruttare fino a 7 connessioni simultanee per utenti premium plus, possibilità di configurazione su pc Windows, Mac, iOS, Android, Linux e anche su router. Presenti oltre 1500 server VPN in 59 paesi del mondo; doppia crittografia, streaming ultraveloce e larghezza banda e traffico illimitati.

SaferVPN

SaferVPN è un servizio VPN semplice da usare che offre ai clienti privacy e sicurezza durante la navigazione web, assicura ottime prestazioni, ha un’interfaccia molto semplice da utilizzare, supporta il P2P ed ha anche una comodissima estensione per Chrome.

Il servizio si trova in Israele ma ha anche legami con gli USA, il numero di server disponibili è di 150 su 24 paesi nel mondo, incluse l’Asia Orientale, il Sud America e l’Australia.

Questo server è molto sicuro come software VPN, l’utente può scegliere il protocollo di criptazione da usare per ogni sessione, quello migliore è l’OpenVPN, ma si può optare anche per PPTPL2TP/IPSec o IKEV2.

OpenVPN offre una connessione molto solido a 256 bit AES per dati, SHA256 per i messaggi di controllo e 2048 bit SSL/TLS criptazione Handshake.

Se state cercando l’anonimato assoluto, dovete sapere che SaferVPN non elimina tutte le connessioni log, ma ne mantiene alcune, ciò nonostante resta uno dei server VPN più sicuri in circolazione.

PureVPN

PureVPN ha sede centrale a Hong Kong, questo servizio VPN fornisce accesso a più di 750 server in più di 140 Paesi nel mondo, permettendo così agli utenti di modificare l’indirizzo IP scegliendo tra i tanti server sparsi nel mondo.

Con questo servizio è possibile accedere a siti con contenuti bloccati, navigare in anonimato ed essere invisibile agli hacker e a terzi.

È possibile cambiare server tutte le volte che lo si desidera, in questo modo si possono superare velocemente le geo-restrizioni e rimanere anonimo e protetto in qualsiasi momento.

PureVPN è disponibile in tutte le piattaforme come iOS, Mac, Windows e Android, anche con applicazioni di proprietà progettate, mantenute e aggiornate dall’azienda, che assicurano un’esperienza completa e senza problemi.

Sono disponibili accessi a numerosi protocolli PPTP, L2TP, SSTP, IKEv2, Stealth e tanti altri che offrono diversi livelli di sicurezza e velocità; inoltre, gli utenti sono protetti dalla crittografia militare a 256 bit.

Avast SecureLine VPN

Avast SecureLine VPN è un componente del famoso Avast Antivirus, non siamo davanti a un servizio no logs, per cui gli indirizzi IP e gli orari vengono salvati, mentre non si salva il tipo di traffico usato.

Il servizio invita a non scaricare file illegali o fare attività illegali; non è presente il killwitch per cui l’indirizzo IP resta rintracciabile, ma il lato positivo è che è molto semplice e veloce da utilizzare e protegge i dati quando si utilizzano connessione Wifi free.

SecureLine mette a disposizione 41 server in 33 paesi del mondo, in particolare negli USA e in Europa, ma sono presenti anche paesi della Regione Asia-Pacifico.

Inoltre, sono consentite solo connessioni peer-to-peer attraverso otto delle 41 sedi, precisamente: Amsterdam, Francoforte, Londra, Miami, New York, Parigi, Praga e Seattle.

Avast SecureLine non registra i siti web che si visitano, memorizza i log di connessione con i tempi, la durata e la larghezza di banda usata, ma queste informazioni vengono rilasciate e usate solo per la diagnostica o in caso di presenza di qualche abuso.

2018-06-26T13:00:42+00:00