Andiamo a scoprire insieme quali sono le funzionalità introdotte nel nuovo standard HDMI 2.1 rispetto al passato. Per sfruttare al meglio i dispositivi in uscita nei prossimi anni, in particolar modo i nuovi modelli di televisore 8K, sarà necessario munirsi di cavo HDMI 2.1. Il nuovo standard è infatti particolarmente adatto per il segnale 8K ma introduce anche numerose altre novità, andiamo a scoprire insieme l’HDMI 2.1.

Le novità del nuovo standard HDMI 2.1

L’HDMI 2.1 è la naturale evoluzione dell’interfaccia HDMI 2.0, cioè dei cavi che oggi utilizziamo tutti per collegare i nostri dispositivi multimediali (set top box, console, decoder e tanto altro) al televisore o al monitor per trasferire contemporaneamente il segnale video ed il segnale audio.

differenza hdmi

Un cavo HDMI per poter ottenere la certificazione 2.1 deve avere delle determinate specifiche, in particolare deve avere una banda passante di 48 GB al secondo, una risoluzione fino a 10K senza compressione, una modalità audio a bassa latenza, profondità di colore a 16 bit, quick frame transoport, enhanced audio return channel e una frequenza di aggiornamento variabile oltre al cambio rapido dei materiali. Andiamo ad analizzare nello specifico tutte le novità introdotte da questo nuovo standard.

Funzione Auto Game Mode

Grazie a questa funzione il televisore si rende conto che l’utente sta giocando ai videogiochi e automaticamente attiverà la modalità “Game”, che non sarà quindi più necessario attivare manualmente. Alcuni televisori in commercio hanno già questa funzione ed è probabile che nel prossimo futuro saranno sempre di più i tv pronti a sfruttare questa potenzialità del cavo HDMI 2.1.

Funzione Refresh sincronizzato

Quando si utilizzano monitor da gaming per il PC di ultima generazione si entra subito in confidenza con la funzione Variable Refresh Rate. Si tratta in poche parole di un refresh sincronizzato con il segnale che viene inviato dalla GPU che crea un frame che viene riprodotto sullo schermo all’istante, senza alcuna interpolazione o interferenza.

In poche parole, avendo a disposizione tantissima banda, la nuova interfaccia è stata dotata di questa modalità che ottimizza al meglio l’esperienza di gioco sui monitor pensati appositamente per i videogiochi, quelli che sono cioè tarati su alte frequenze visive.

Come detto questa tecnologia migliora la comunicazione tra il monitor e la GPU, soprattutto a refresh rate molto alti (120 HZ o 144 HZ) che di solito sono utilizzati in ambito competitivo. In questo modo un monitor equipaggiato con HDMI 2.1 riuscirà a gestire i singoli fotogrammi non appena questi saranno reindirizzati alla GPU, riuscendo così ad evitare le interferenze dovute al tearing e ai salti di frame generati dai tempi di comunicazione tra GPU e monitor.

Molta più larghezza di banda

Il cavo HDMI 2.1, come detto, deve garantire una larghezza di banda di 48 Gbps, in banda non compressa, che diventano 128 Gbps in caso di banda compressa. Avere a disposizione una maggiore larghezza di banda consente di supportare televisori con una risoluzione fino a 10K, davvero avveniristico se si pensa che attualmente si stanno diffondendo in commercio i TV 8K.

Se siete alla ricerca di suggerimenti tecnici vi consigliamo di leggere questa guida all’acquisto sui cavi HDMI.

Quick Media Switching

Quando si cambia il segnale d’ingresso al proprio TV, spesso lo schermo diventa nero per alcuni istanti, il tempo necessario per il televisore di adattarsi al segnale differente. Grazie alla funzione Quick Media Switching questo non avverrà più, purché sia il televisore che la sorgente siano compatibili con questo tipo di funzione.

Funzione Quick Media Switching

eARC: audio 5.1 e 7.1 non compresso

Grazie alla funzione eARC, evoluzione della ARC, sarà possibile per tutti i dispositivi connessi al televisore di essere amplificati con un dispositivo come una soundbar, utilizzando un unico cavo. La funzione eARC aumenta la larghezza di banda a disposizione fino a 37 Mbps rendendo disponibile l’audio 5.1 e 7.1 senza compressione.

Quick Frame Transport

Grazie al Quick Frame Transport sono stati introdotti degli importanti cambiamenti nel modo in cui i frame vengono trasferiti dalla sorgente allo schermo. La differenza è dovuta alla frequenza che è diventata più elevata, riducendo la latenza. Una novità che farà certamente molto gola a tutti i gamers.

Display Stream Compression evoluto

Lo standard Display Stream Compression 2.1 si evolve ulteriormente aumentando la profondità di colore fino a 16 bit e consentendo di utilizzare risoluzioni addirittura superiori al 10K. Una funzione implementata in ottica futura, quando saranno disponibili televisori che offrono queste caratteristiche.

Risoluzione fino a 10k

  • Post author:
  • Post category:Hardware
  • Post last modified:7 Luglio 2020
  • Reading time:4 min(s) read