Se da un lato il mercato degli smartphone ha inevitabilmente sofferto una flessione negli ultimi 2 anni, considerati i margini di miglioramento dal punto di vista delle prestazioni sempre più risicati, dall’altro i produttori cercano nuove nicchie da aggredire.

Il caso dei gaming-phone è emblematico: spingendo al limite alcune specifiche tecniche, sono diverse le aziende che si sono imposte in quello che oggi è un tipo di device sempre più ricercato, soprattutto dai più giovani.

Le caratteristiche principali di un gaming-phone

Ma in cosa si caratterizza un gaming-phone rispetto ad un qualsiasi top di gamma che pure dovrebbe vantare una scheda tecnica al top?

Lasciando da parte il discorso estetico, che comunque assume sempre più importanza viste le scelte davvero aggressive di alcuni produttori dal punto di vista del design, sono essenzialmente quattro i punti da tenere in considerazione quando si sceglie uno smartphone per il gaming:

  • Processore e scheda grafica
  • Batteria
  • Connettività
  • Display

Andiamo allora a scoprire quali sono i 3 modelli più gettonati in questa particolare nicchia dei gaming-phone

Black Shark 3

Xiaomi è stata forse la prima a credere fino in fondo a questa particolare tipologia di smartphone e il successo del marchio Black Shark sta lì a dimostrarlo. L’ultimo modello è il Black Shark 3, ufficialmente in Italia dalla scorsa primavera, disponibile in nero e grigio. Snapdragon 865 a bordo con 8 GB di RAM e 128 GB di storage interno, display da 6.67 pollici  in Full HD+, batteria da 4.720 mAh (è il totale di due moduli separati che contribuiscono ad evitare surriscaldamenti): sono queste le caratteristiche fondamentali di un device che può contare anche sulla ricarica veloce da 64 W e su un comparto fotografico di tutto rispetto (tripla cam posteriore da 64+13+5 MP). I punti deboli? L’ergonomia non è il massimo viste le dimensioni “corpose”, dovute anche alla presenza delle cornici nella parte superiore e inferiore.

Nubia Redmagic 5G

Anche in questo caso a bordo trova spazio lo Snapdragon 865 con diversi tagli di RAM e memoria fisica, Nubia Redmagic 5G può vantare però un sapiente lavoro di ottimizzazione software per limitare al massimo il lavoro del processore e, di conseguenza, i consumi della batteria da 4.500 mAh. Le dimensioni sono ancora più sostenute rispetto al predecessore (168,56 x 78 x 9,75 mm per 218 grammi) ma non va dimenticato che parliamo di smartphone pensati per essere usati con due mani. Il gaming-phone di Nubia può vantare inoltre un sistema di raffreddamento interno a liquido, oltre ad un refresh rate a 144 Hz che garantisce una fluidità di immagini di altissimo livello. Occhio anche alla striscia RGB sul dorso del device, una vera chicca per gli appassionati.

ASUS Rog Phone 3

Per godere al meglio dei giochi dal vivo casino, oggi il top è rappresentato dall’ultimo arrivato in casa Asus, per diversi motivi. C’è la possibilità, ad esempio, di accoppiare una quantità davvero enorme di accessori, tra cui l’AeroActive Cooler 3 (fornito di serie9) per raffreddare lo smartphone e aggiungere l’ingresso audio da 3.5 mm. Da segnalare tanti dettagli: sistema di raffreddamento interno GameCool 3, Snapdragon 865 Plus con RAM che arriva anche a 16 GB (storage interno massimo a 512 GB), connettività al top (5G e WiFi 6 su tutti), qualità audio giudicata tra le migliori in circolazione. C’è la funzionale Air Trigger per aiutare i giocatori ad interagire coi comandi durante le sessioni di gioco, oltre ad un display da 6.59″ in Full HD+, AMOLED, anche in questo caso con una frequenza d’aggiornamento a 144 Hz. Il produttore taiwanese ha anche segnato un vero e proprio primato nella latenza al tocco, ribassata fino a 25 ms. Ciliegina sulla torta, l’autonomia: è al top, vista la batteria da 6.000 mAh con supporto alla ricarica rapida a 30 W. Si raggiungono i due giorni di autonomia anche usando in modo frequente il refresh rate a 144 Hz.

  • Post author:
  • Post category:Mobile
  • Post last modified:29 Ottobre 2020
  • Reading time:4 min(s) read